Confcommercio, attivata raccolta fondi a favore delle imprese delle Marche colpite dalla recente alluvione

Confcommercio, attivata raccolta fondi a favore delle imprese delle Marche colpite dalla recente alluvione

Chiapella, “Attraverso la Fondazione Giuseppe Orlando vogliamo dare un sostegno concreto ai colleghi marchigiani”

La memoria ritorna al 2 e 3 ottobre 2020, quando la tempesta Alex sconvolse vaste aree montane della provincia di Cuneo, in particolare le valli Vermenagna, Gesso e Tanaro; come per allora, anche per le martoriate terre delle Marche, colpite alla recente alluvione, Confcommercio c’è ed è vicina alle aziende ed agli imprenditori attraverso la Fondazione Giuseppe Orlando.

“La Fondazione – afferma Luca Chiapella, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo – è un ente senza fine di lucro costituito da Confcommercio nazionale, attraverso la quale, a seguito di eventi calamitosi, vengono attivate raccolte fondi a sostegno degli imprenditori per far fronte alle emergenze”.

“Nell’ottobre 2020 – precisa Chiapella – grazie ai fondi provenienti dalla Fondazione Giuseppe Orlando fu possibile portare un contributo concreto alle aziende fortemente colpite dalla tempesta Alex; anche questa volta la Fondazione è promotrice della raccolta fondi a favore dei colleghi delle Marche e come Confcommercio provinciale, in un ideale “filo rosso”, vogliamo promuovere e sostenere questa raccolta, anche per ricambiare la generosità e la vicinanza ricevuta in quei tragici momenti”.

Le donazioni possono essere effettuate utilizzando il conto corrente dedicato:

Iban IT 45 K 08327 03247 0000 00000159, presso la Banca di Credito Cooperativo di Roma, Agenzia 132, Piazza G.G. Belli 2, 00153 Roma, intestato alla Fondazione Giuseppe Orlando.

“I fondi raccolti - conclude Luca Chiapella – potranno costituire un valido sostegno per la rinascita e ripartenza delle aziende marchigiane, pesantemente colpite da questa immane tragedia che, purtroppo, ha contato anche numerose vittime, nell’attesa di interventi più consistenti da parte dello Stato”.